Zone di navigazione

Dividiamo il lato orientale dell'Adriatico in 4 principali aree di navigazione. Da nord verso sud, queste aree sono:


  • Istria e Quarnero - città Pula e Rijeka (Pola e Fiume)
  • Nord Dalmazia - Zadar e Sibenik (Zara e Sebenicco)
  • Dalmazia centrale - Spalato
  • Dalmazia meridionale – Dubrovnik

ISTRIA E QUARNERO

PIU' GRANDE CITTA': POLA E FIUME

Istria come il più grande penisola della Croazia ha due facce per i marinai. La sua costa occidentale, da Kanegra a nord fino al promontorio di Kamenjak nel suo punto più meridionale, è ornato da secolari città, caratterizzata da alti campanili che sovrastano il mare. Si tratta di una costa di secolare comunicazione con i porti italiani dell'Adriatico settentrionale. La costa orientale dell'Istria fino alla Preluk è di carattere più mistico, meno densamente abitata e più raramente visitati. La navigazione attraverso queste acque non è così frequente sia perché il percorso consueto nautica dal punto più meridionale dell'Istria porta alle isole di Cres e Loπinj e più in giù la stringa di isole verso il sud-est. Tornando al faro di Savudrija, e la vela passato, il percorso abituale è direttamente in Umago - fare un ampio arco intorno alle secche che si estendono fino a mezzo miglio dalla costa.


Le isole del Quarnero e della zona di Velebit - Krk, Cres, Losinj, Unije, Srakane, Ilovik, Rab, Pag e molti altri più piccoli, così come le coste del continente, hanno due facce. Tutto il modo di Preluk, dove si piega bruscamente continentale, ad angolo retto, in direzione sud-est, è coperta la terra da una vegetazione lussureggiante, ma non appena si passa Rijeka la costa diventa più tetro, solcata da insenature in cui scintillanti ciottoli sono stati depositati con acqua consumato-gole, e dove le acque hanno scavato spiagge solitarie. I lati nord delle isole di Cres, Krk, Rab e Pag sono stati frustati sterile da bora forte, mentre i loro volti meridionali - dove si trovano la maggior parte degli insediamenti - sono più dolce e hanno una vegetazione molto di più. Tuttavia, questo stesso vento indebolisce notevolmente prima di raggiungere l'isola di Lussino e le due isole minori di Susak e Ilovik più lontano dal mare, che consente molto più verde sulle rive settentrionali.


Durante le barche a vela di alta stagione e numerosi yacht solcare i canali che si trovano tra queste isole, sia in direzione sud o di ritorno da essa. La costa è punteggiata di baie, insenature e ancoraggi. E 'abbastanza per fare menzione di Punta Croce, Marasol, Artatore, Ilovik, Krivica, al fine di evocare una visione di righe di barche ancorate in modo sicuro. Ci sono diversi moderni porti turistici della zona.


Maggiori informazioni su vacanza a vela in Istria: Istria vacanza planner [PDF]



DALMAZIA NORD

PIÙ GRANDE CITTÀ: ZADAR (ZARA) E SIBENIK (SEBENICCO)

Zona Zara

Quando la nostra navigazione in direzione sud ci porta a Premuda, Silba e Olib, siamo entrati nelle acque di Zara, che comprende molte altre isole. La metà meridionale di Pag cade anche sotto le acque di Zara, ma abbiamo già navigato con le isole del nord. Anche in questo caso ci incontriamo con una costa pianeggiante e fertile con alcuni dei più antichi centri urbani della costa adriatica. Questi includono Nin, Zadar e Biograd, ricco di storia. Al largo della costa è un'altra serie di isole: Dugi Otok, Iz, Ugljan, Pasman, Vrgada e altri. Se siamo alla ricerca di insediamenti piccole isole o cercano il backcountry, o se stiamo cercando di ancorare in baie come Pantera e Telascica, che godono dello status di riserve naturali, troveremo tutto su queste isole. Anche in questo caso ci sono molti porti turistici moderni.


Zona Sebenicco

La costa e le isole delle acque di Sibenik sono diversi da quelli della zona di Zara che abbiamo appena navigato. E 'ancora una bassa costa, ma molto più frastagliata, con numerosi porti e baie scavate nella terraferma. Anche qui ci sono molti porti turistici moderni. Le isole più vicine sono unite alla terraferma o quasi toccarlo, e hanno grandi insediamenti, mentre quelli più lontani dalla terraferma l'ho, ma poche case utilizzato solo su base temporanea, o piccoli porti di pesca e frazioni nei campi. Il gioiello della corona delle acque di Sibenik è l'arcipelago di Kornati - un gruppo di isole unto loro che molti sarebbero qui per navigare, se non altro.


Maggiori informazioni su Zadar: Diving a Zara [PDF]
Dalmata patrimonio culturale: A proposito di cultura in Dalmazia [PDF]



DALMAZIA CENTRALE

BGRANDE CITTA': SPLIT (SPALATO)

Il litorale e le isole che circondano Split sono considerati da molti come la più bella nel mare Adriatico. E se è d'accordo con loro o meno - perché le altre parti del nostro litorale sono veramente magnifico - le isole di Solta, Brac, Hvar, Vis e le tante piccole, e la costa da Capo Ploca fino all'estuario del fiume Neretva, offrono innumerevoli velisti sfide a vela, così come molte città affascinanti stabiliti di nuovo in antichità da visitare. Navigando lungo questo tratto di costa, soprattutto durante i mesi estivi, è molto piacevole. Ci sono un certo numero di porti turistici di grandi dimensioni ed eccellente in questa parte dell'Adriatico, per lo più a Spalato e dintorni, e una serie di buoni porti. La distanza delle isole non è grande - è a meno di cinque miglia nautiche al più vicino di essi, Drvenik, Solta e Brac. Vela su Spalato ci sono una ventina di km da Hvar e trenta a Vis. I canali tra le isole e il parallelo tratto di costa con loro e sono luoghi piacevoli a vela, soprattutto durante i venti estivi stabili.


Le condizioni climatiche di questa parte dell'Adriatico nel periodo di picco a vela da maggio a ottobre sono, per la maggior parte, favorevole e sono caratterizzati da uno schema regolare di cambiamento delle condizioni prevalenti. Nella prima parte della stagione nautica i southerlies sono dominanti, seguita da un periodo di venti stabili del nord-ovest, mentre con la fine dell'estate arriva una calma settembre. È necessario prestare attenzione alla bora, che è al suo più forte sotto le montagne lungo la costa, di burrasche estive brevi, meno frequente qui che nel nord Adriatico, e ai cicloni che passano.


Ci sono quattro porti di queste isole della Dalmazia, ma anche velisti sono attratti dalle waterfront e le baie profonde e sicure e calette. Il lungomare di Vis, una città le cui radici risalgono 2400 anni, il villaggio di pescatori di Komiza, soleggiata e dionisiaca Hvar e Stari Grad (Città Vecchia), il cui nome stesso suggerisce le sue radici nell'antichità, Vrboska e Milna sull'isola di Brazza, immerso molto indietro nel baie profonde, e Pucisca, la casa dei più grandi maestri della lavorazione della pietra, sono solo alcuni di coloro ai quali i diportisti si riversano da inizio primavera fino al tardo autunno. E a pochi chilometri fuori da ognuna di quelle città ci sono grotte che conservano ancora l'immagine e profumi delle volte in cui alcuni yachts navigato queste acque, e in cui ancora caduta è un piacere puro. Stoncica e la laguna Budihovac a Vis, le grotte del otoci Paklinski (Hells isole) o il porto di Stari Grad sull'isola di Hvar, Bobovisce, Povalje o LuËice sull'isola di Brac, e Necujam su Solta sono annoverati tra le più interessanti del Mediterraneo. E abbiamo citato solo una parte di ciò che questa costa offre.


Maggiori informazioni su Dalmazia e la vela in Dalmazia: Noleggio di Barche [PDF] [PDF]



DALMAZIA MERIDIONALE

GRANDE CITTA': DUBROVNIK

Le acque di Dubrovnik includono la costa a sud della foce del fiume Neretva, la penisola di Peljesac e tutta la costa della penisola di Prevlaka insieme con il lato occidentale della entrata Bocche di Cattaro, oltre a numerose isole: Korcula, Lastovo, Susac, Mljet e l'arcipelago Elafiti che si trova più vicino a Dubrovnik e comprende Jakljan, Sipan, Lopud, Kolocep, Daksa, Sveti Andrija e Lokrum. Inutile dire che tutte queste isole sono una sfida per ogni velista.


Stretching in profondità nel mare, ma quasi parallela alla costa continentale è il secondo più grande penisola dell'Adriatico, Peljesac, e sulla riva terraferma c'è Dubrovnik - una città che era il cuore della Repubblica di Dubrovnik, che per secoli conservato la sua indipendenza e la libertà tra l'Impero Ottomano e Venezia. Una città in cui la scienza e le arti fiorirono grazie alle attività marittime e commerciali.


Si tratta di uno spazio aperto allo Stretto di Otranto, in cui prevalgono venti meridionali, ma piacevole per la navigazione nella stagione nautica. Noi la testa fuori dal Ploce e la foce del fiume Neretva, un altro dei fiumi che portano acqua dolce nel nostro mare. Qui si tratta per lo più in piccole barche locali, spesso utilizzati per navigare le backwaters di questo grande fiume, e da Ploce a Metkovic, a Opuzen e Komina, l'ormeggio ad Blaca, Duboko e Klek. Lungo la costa, passando per Neum, Bosnia-Erzegovina e l'uscita verso il mare, e la baia Bistrina, si naviga il percorso di Mali Ston e le più grandi allevamenti di molluschi nel Mare Adriatico. Ci si arriva su una barca a motore o di una barca a vela con un progetto piccolo, e ormeggiare per un momento di fronte al porto di Mali Ston, dove c'è spazio e la profondità solo per due o tre navi più grandi.